Articoli

E come sempre da cosa nasce cosa. Valeria Corciolani ci regala per Natale una nuova intrigante avventura con Alma e Jules

La colf e l’ispettore sono ritornati e complice la preoccupazione per i giochi insoliti dei figli, l’ispettore Jules Rosset e la sfuggente e schiva Alma, riescono a risolvere l’ennesimo caso.

Se come me, amate leggere, non potete fare a meno di procurarvi: “E come sempre da cosa nasce cosa” l’ultimo libro della scrittrice Valeria Corciolani, la quarta avventura di Alma e Jules. In questo libro, la colf e l’ispettore, insieme ad altri divertenti personaggi, con ironia e leggerezza vi porteranno in mondo che vi farà riflettere, dove la cosa giusta da fare non sempre è una cosa lecita, ma va comunque fatta. Personaggi che descritti con maestria e semplicità dall’autrice vi sembrerà di averli davanti agli occhi. Un furgone fuori strada con dentro tre morti ed un enorme carico di marjuana, scarpe infangate, i giochi di ruolo dei figli ed un ispettore di polizia sempre tra i piedi, come possono permettere ad Alma di star fuori dai guai?

Se volete, questo è il link dove trovare il libro di Valeria Corciolani https://www.amazon.it/come-sempre-cosa-nasce-lispettore-ebook/dp/B07TDK8MS9/ref=asap_bc?ie=UTF8

Valeria Corciolani libri pubblicati da Amazon publishing
Valeria Corciolani – autrice di: E COME SEMPRE DA COSA NASCE COSA.
Valeria Corciolani - presenta E come sempre da cosa nasce cosa
Bruno Morchio con Valeria Corciolani e Lucia Caponetto alla presentazione di: E COME SEMPRE DA COSA NASCE COSA.
Valeria Corciolani - presenta E come sempre da cosa nasce cosa
Valeria Corciolani – al centro della foto ascolta Lucia Caponetto mentre legge dei passaggi del suo ultimo libro: E COME SEMPRE DA COSA NASCE COSA.
Lucia Caponetto-7896
Lucia Caponetto – legge per il pubblico in sala alcuni brani delle avventure di Alma e Jules.
Valeria Corciolani pubblico -7872
Sestri Levante – il pubblico presente in sala per la presentazione del libro di Valeria Corciolani: “E DA COSA NASCE COSA”.

Sestri Levante – “Il Silenzio e la Bellezza” all’ex convento dell’Annunziata.

Eliska, la nuova opera dello scultore Leonardo Lustig sulla terrazza dell’Annunziata

Eliska, una nuova opera dello scultore Leonardo Lustig per la rassegna “Il silenzio e la bellezza aiutano a vivere meglio”, la si può ammirare sulla terrazza dell’Ex Convento dell’Annunziata che si affaccia sul mare della baia di levante, conosciuta dai più come Baia del Silenzio, a Sestri Levante fino al 30 maggio 2020. L’opera in bronzo, realizzata con la tecnica della cera persa dallo scultore di Santa Margherita Ligure, Leonardo Lustig http://www.leonardolustig.it/ da un’idea di Gianfranco Traverso, verrà ufficialmente presentata al pubblico il 25 gennaio 2020 alle ore 17.00 dall’organizzatore Massimo Solari, con un concerto del quartetto Magnasco. l’opera andrà ad aggiungersi al già famosissimo “Pescatore”, divenuto a ragione il simbolo della Baia del Silenzio e di tutta Sestri Levante

Sestri Levante - Eliska opera di Leonardo Lustig sulla terrazza dell'Annunziata
Eliska – di Leonardo Lustig
Eliska, la nuova opera dello scultore Leonardo Lustig sulla terrazza dell'Annunziata
Volo in controluce.
Eliska, la nuova opera dello scultore Leonardo Lustig sulla terrazza dell'Annunziata
La leggerezza di un volo.
Eliska, la nuova opera dello scultore Leonardo Lustig sulla terrazza dell'Annunziata
Armonia e bellezza.
Eliska, la nuova opera dello scultore Leonardo Lustig sulla terrazza dell'Annunziata
Uno degli scorci più belli di Sestri Levante, ora è diventato ancora più affascinante grazie alla bella Eliska.
Eliska, la nuova opera dello scultore Leonardo Lustig sulla terrazza dell'Annunziata
In difesa della baia. La nuova opera di Lustig, sembra voler dire al mare di stare calmo.
Eliska, la nuova opera dello scultore Leonardo Lustig sulla terrazza dell'Annunziata
il vento nei capelli.
Eliska, la nuova opera dello scultore Leonardo Lustig sulla terrazza dell'Annunziata
Tra cielo e mare, la ballerina sembra voler prendere il volo. Tale è la leggerezza della sua figura.

Sestri Levante, aspettando l’onda perfetta alla Baia del Silenzio

Surfisti cavalcano le onde del mare a Sestri Levante

La burrasca dei giorni scorsi, ha lasciato in regalo per la gioia degli appassionati surfisti le onde perfette da cavalcare stando in equilibrio sulle tavole da surf. In questi giorni il vento soffia forte sulla riviera di levante e gli appassionati equilibristi del mare non si sono lasciati sfuggire l’occasione. D’altronde è proprio in inverno che arrivano le mareggiate migliori : “Swells” come le chiamano i surfisti. Sono tanti i Liguri che hanno scoperto di poter fare come in California, naturalmente con le dovute proporzioni, il surf potrebbe diventare una nuova attrattiva turistica per la riviera nella stagione invernale.

“Swells” l’onda perfetta, sono in molti a cercarla anche nella Baia del Silenzio
A “surfare” nel Golfo del Tigullio non sono solo i liguri, arrivano con le loro tavole da surf, anche gli appassionati delle onde, dal Piemonte e dalla Lombardia
Nei giorni scorsi erano in molti a caccia dell’onda perfetta da cavalcare nella baia di Levante
Un surfista a proprio agio scivola su un onda in perfetto equilibrio.
Un giorno da leoni, per citare un famoso film, la Riviera Ligure come la California, meta dei surfisti oltre cha a Sestri Levante anche le spiaggie di Levanto o Varazze.

Bacci Pagano indaga in Val Polcevera

Sestri Levante – Valeria Corciolani presenta al pubblico l’ultimo lavoro di Bruno Morchio: “Le sigarette del manager”, tredicesimo episodio della saga di Bacci Pagano.

Un ingegnere che non è ingegnere, un manager che non è manager: chi è in realtà Oreste Mari, l’uomo sulle cui tracce si muove Bacci Pagano, inseguendo un vago odore di fumo e spinto da un’ossessione che lo induce a indagare senza la garanzia d’essere pagato?
In una primavera piovosa, otto mesi dopo il crollo del ponte Morandi, il detective dei carruggi ripercorre avanti e indietro la valle del Polcevera e ne osserva le ferite, la bellezza e i gusci fossili d’un illustre passato che non c’è più.

Sestri Levante – Valeria Corciolani presenta al pubblico il nuovo libro di Bruno Morchio “Le sigarette del manager”.

Nelle strade di quella periferia irriconoscibile sembra cercare il senso di quanto è accaduto negli ultimi trent’anni e l’uomo che sta cercando potrebbe forse fornire qualche risposta alle domande che lo assillano: Oreste Mari è nato in una famiglia operaia, ha rinnegato le sue origini facendo proprio il mito dei soldi facili degli anni Ottanta e ha finito per mettere la propria genialità al servizio della speculazione finanziaria e della criminalità.

Sestri Levante – I numerosi fans di Bacci Pagano nella Sala Bo di Palazzo Fascie.

Distruttore e saccheggiatore di destini, lo definisce Bacci, che però intravvede il legame profondo che lo lega alla valle e alla sua gente, una sorta di anticorpo che potrebbe forse salvargli l’anima. E mentre si dibatte nel dilemma se associare o meno all’agenzia investigativa il fidanzato della figlia Aglaja, Bacci troverà nel luogo più disastrato della valle, la diga del quartiere Diamante, un nuovo amore di nome Giulia, maestra elementare che ha l’aspetto e i modi d’una guerrigliera coraggiosa.

La scrittrice Valeria Corciolani che a sua volta ha appena pubblicato un nuovo romanzo, dal titolo “E come sempre da cosa nasce cosa” è presente in veste di moderatrice , spiegando che con “Le sigarette del manager” Bruno Morchio dà voce a uno dei luoghi più tormentati della sua terra, la Val Polcevera, a una generazione, quella del ’68, ferita ma orgogliosa, che non si rassegna a guardare indietro e non si abbandona alla nostalgia, convinta che della scomparsa del passato ci si può consolare, ma dalla sparizione del futuro non ci si riprende più.

Lucia Caponetto, Bruno Morchio e Valeria Corciolani insieme a Bacci Pagano sono stati i protagonisti della serata.

Lucia Caponetto, che attraverso il suo canale YouTube Lucci_Legge racconta, interpretandole magistralmente storie per ragazzi e romanzi di autori vari, in sala Bo legge alcuni brani del romanzo di Morchio, suscitando nel pubblico che ascolta, la voglia di cominciare la lettura della tredicesima avventura dell’investigatore genovese Bacci Pagano, al più presto.

I lettori appassionati si mettono in fila per una dedica autografa sul libro ed una fotoricordo con l’inventore di Bacci Pagano.

Fans – Bruno Morchio non si sottrae al rito delle dediche sui suoi libri.
Bruno Morchio posa sorridente insieme alle signore che hanno permesso la buona riuscita della serata.
Bruno Morchio – “Le sigarette del manager”
sestri-levante-la-baia-del-silenzio-affollata-a-fine-ottobre.jpg

Un ritorno d’estate a fine ottobre, la Baia del Silenzio presa d’assalto.

L’ultima domenica di ottobre sulla Baia del Silenzio, splende il sole e dopo una settimana che ha visto alternarsi allerte gialle e arancione, con pioggia e freddo, e parecchi disagi in molti sono corsi ad asciugarsi la faccia al sole. La spiaggia di levante è stata letteralmente presa d’assalto da turisti, ma anche da molti residenti. I bar che si affacciano sulla baia registravano il tutto esaurito, prima per le colazioni e poi con il rito dell’aperitivo. Trovare poi un tavolino per un pranzo al sole vista mare era una vera e propria impresa. Non solo bagni di sole però, molta gente faceva anche il bagno, insomma un vero e proprio ritorno d’estate.

Tra una nuotata e un pezzo di focaccia stesi sulla spiaggia, una domenica dal sapore estivo.

Al sole – creme solari e lettini sono ricomparsi sulla spiaggia.
Al sole – creme solari e lettini sono ricomparsi sulla spiaggia.
Relax – c’è chi passeggia in acqua e chi gioca con i figli.
Al bar – un caffè comodamente seduti in riva al mare
Al bar – un caffè comodamente seduti in riva al mare.
Leggere comodamente seduti al sole sulla spiaggia.
Assalto – il pescatorello diventa compagno di giochi di molti bambini.
con un golfino sulle spalle o in costume da bagno, ma tutti sulla spiaggia.
Tutto esaurito.
Un aperitivo al baretto della spiaggia.