Articoli

Porto Venere e la chiesa millenaria di San Pietro, capolavoro gotico genovese.

Porto Venere, storia e leggenda di un borgo fondato sulla bellezza divina.

La cartolina questa volta la mando da Porto Venere. Ho fatto molte foto e raccolto qualche aneddoto. Partendo proprio dal nome che si perde tra storia e e leggenda. Nell’antichità, dove ora sorge la chiesa di San Pietro esisteva un tempio dedicato alla dea Venere Ericina. La dea era nota per la sua grande bellezza. Si narra che Venere Ericina fosse stata creata dalla spuma delle onde del mar ligure, che si infrangevano sugli scogli dove ora sorge la chiesa di San Pietro. La passeggiata è piacevolissima. Percorrendo tutto il lungo mare e sfilando davanti alle antiche case di pescatori e marinai la cosidetta “palazzata a mare”, si raggiunge la chiesa di San Pietro. Le colorate case-torri costruite dalla Repubblica di Genova costituivano una cinta muraria a protezione del borgo interno che si sviluppa alle loro spalle.

Porto Venere la chiesa di San Pietro.
Porto Venere la chiesa di San Pietro.
Sullo scoglio dove la leggenda racconta ci fosse il tempio alla dea Venere Ericina e nel V secolo fu eretta una piccola basilica paleocristiana, divenuta nei secoli, dopo varie trasformazioni la chiesa di San Pietro consacrata nel 1198.
Sullo scoglio dove la leggenda racconta ci fosse il tempio alla dea Venere Ericina e nel V secolo fu eretta una piccola basilica paleocristiana, divenuta nei secoli, dopo varie trasformazioni la chiesa di San Pietro consacrata nel 1198.
Il tratto di mare che va da Portovenere a Lerici visto dal loggiato che si affaccia sulla cala dell'Arpaia.
Il tratto di mare che va da Portovenere a Lerici visto dal loggiato che si affaccia sulla cala dell’Arpaia.
San Pietro un meraviglioso esempio del gotico genovese risalente al 1198
San Pietro un meraviglioso esempio del gotico genovese risalente al 1198
Dall'isola della Palmaria si gode di una vista privilegiata di Portovenere e della chiesa di San Pietro.
Dall’isola della Palmaria si gode di una vista privilegiata di Portovenere e della chiesa di San Pietro.
La chiesa di San Pietro così come la osserva la madre Natura di Scorzelli
La chiesa di San Pietro così come la osserva la madre Natura di Scorzelli
Sono molti i visitatori che accendono una candela o si raccolgono in preghiera dentro la chiesa di San Pietro.
Sono molti i visitatori che accendono una candela o si raccolgono in preghiera dentro la chiesa di San Pietro.
La “MADRE NATURA" che lo scultore Lello Scorzelli ha donata a Portovenere, sembra sia messa lì a controllare chi va a visitare la grotta di Byron.
La “MADRE NATURA” che lo scultore Lello Scorzelli ha donata a Portovenere, sembra sia messa lì a controllare chi va a visitare la grotta di Byron.

Dal Castello Doria la vista sul golfo e la grotta di Byron.

Sovrastata da Castello Doria che domina il borgo e dalla cui sommità si gode di una vista favolosa che spazia dall’isola Palmaria con la grotta Azzurra e la grotta dei Colombi. Ci sono diverse grotte marine anche sotto la scogliera sulla quale si erge la chiesa di San Pietro, la più famosa è la cala dell’Arpaia conosciuta anche come la grotta di Byron, in onore del poeta inglese. Una targa racconta che raggiungesse Porto Venere attraversando il mare a nuoto da Lerici, dove risiedeva per una vacanza. Ma pare sia solo una leggenda. Documenti non ce ne sono, tuttavia si favoleggia di una suggestiva traversata a nuoto, compiuta nel 1822 da Lord George Gordon Byron, per raggiungere l’amico Percy B. Shelley e la moglie Mary. In realtà non mise mai piede a Porto Venere, si fermò a Lerici costretto ad una sosta forzata a causa da una forte febbre, che lo colse durante un viaggio con la sua nave che veleggiava da Genova diretto in Grecia.

Castello Doria sulla sommità della collina domina il borgo sottostante di Porto Venere, difeso dal mare dalla cosidetta "PALAZZATA A MARE" composta dalle antiche case dei pescatori che costituivano una perfetta e sicura barriera protettiva.
Castello Doria sulla sommità della collina domina il borgo sottostante di Porto Venere, difeso dal mare dalla cosidetta “PALAZZATA A MARE” composta dalle antiche case dei pescatori che costituivano una perfetta e sicura barriera protettiva.
Le case-torri con i caratteristici colori pastello, tipiche della Repubblica di Genova, costituivano una efficace protezione per la parte interna del borgo, le facciate prive di orpelli sulle facciate e le piccole, ma numerose finestre, impedivano ai nemici di penetrare nel borgo.
Le case-torri con i caratteristici colori pastello, tipiche della Repubblica di Genova, costituivano una efficace protezione per la parte interna del borgo, le facciate prive di orpelli sulle facciate e le piccole, ma numerose finestre, impedivano ai nemici di penetrare nel borgo.
La via principale che porta alla chiesa di San Lorenzo, si affacciano numerose botteghe dove si posso trovare prodotti tipici del luogo e cibo genuino.
La via principale che porta alla chiesa di San Lorenzo, si affacciano numerose botteghe dove si posso trovare prodotti tipici del luogo e cibo genuino.
La chiesa di San Lorenzo consacrata nel 1130 da papa Innocenzo II e rimaneggiato nei secoli in seguito ad incendi ed eventi bellici.
La chiesa di San Lorenzo consacrata nel 1130 da papa Innocenzo II e rimaneggiato nei secoli in seguito ad incendi ed eventi bellici.
Si racconta che nel 1399 la Vergine Maria liberò Porto Venere dalla peste. Da allora la chiesa di San Lorenza è nota anche come Santuario della Madonna Bianca.
Si racconta che nel 1399 la Vergine Maria liberò Porto Venere dalla peste. Da allora la chiesa di San Lorenza è nota anche come Santuario della Madonna Bianca.
L'imponente castello Doria, domina Porto Venere fin dal 1161. A pianta pentagonale con tre bastioni rivolti al mare ed un torrione circolare rivolto a monte, garantiva una totale protezione del borgo.
L’imponente castello Doria, domina Porto Venere fin dal 1161. A pianta pentagonale con tre bastioni rivolti al mare ed un torrione circolare rivolto a monte, garantiva una totale protezione del borgo.
Nate come torri di avvistamento, nei secoli furono trasformate in mulini a vento per la macina del grano.
Nate come torri di avvistamento, nei secoli furono trasformate in mulini a vento per la macina del grano.
La chiesa di san Pietro costruita sullo scoglio tra la cala dell'Arpaia e l'isola della Palmaria.
La chiesa di san Pietro costruita sullo scoglio tra la cala dell’Arpaia e l’isola della Palmaria.
Il nome del borgo è composto da due parole Porto e Venere. Anche se non sono pochi a scriverlo con una parola sola: Portovenere.
Il nome del borgo è composto da due parole Porto e Venere. Anche se non sono pochi a scriverlo con una parola sola: Portovenere.
La chiesa di San Pietro e sullo sfondo l'isola della Palmaria visti dal suggestivo cimitero di Porto Venere.
La chiesa di San Pietro e sullo sfondo l’isola della Palmaria visti dal suggestivo cimitero di Porto Venere.
La chiesa di San Pietro
La chiesa di San Pietro
La chiesa di San Pietro e sullo sfondo l'isola della Palmaria visti dal suggestivo cimitero di Porto Venere.
La chiesa di San Pietro e sullo sfondo l’isola della Palmaria visti dal suggestivo cimitero di Porto Venere.
La chiesa di San Pietro e sullo sfondo l'isola della Palmaria visti dal castello Doria.
La chiesa di San Pietro e sullo sfondo l’isola della Palmaria visti dal castello Doria.
Porto Venere il tratto di mare che divide la cala dell'Arpaia da Lerici, dove la leggenda vorrebbe far nuotare lord Byron.
Porto Venere il tratto di mare che divide la cala dell’Arpaia da Lerici, dove la leggenda vorrebbe far nuotare lord Byron.
La Madre Natura di Lello Scorzelli.
La Madre Natura di Lello Scorzelli.
La fotografia di Nasello che temerariamente si tuffa nel mare dalla scogliera dell'Arpaia.
La fotografia di Nasello che temerariamente si tuffa nel mare dalla scogliera dell’Arpaia.

Portofino, per tutto il mese di gennaio 2020 si potrà ammirare Mondo Terracqueo.

La bellezza di Portofino resa più brillante dal Globo Terracqueo di Marco Nereo Rotelli

A Portofino io ci sono andato, ed ho realizzato delle bellissime fotografie, l’installazione artistica del Maestro Marco Nereo Rotelli. Mondo Terracqueo https://www.mondoterracqueo.com/ è il nome dell’evento culturale, artistico ed esperienziale sviluppato da Geometry Global Italy che insieme al Comune di Portofino, inaugura una nuova campagna di comunicazione diretta a valorizzare il borgo guidato dal sindaco Matteo Viacava. Portofino, vero e proprio simbolo di una bellezza equilibrata tra la natura e l’opera dell’uomo. Se non ci potete andare, vi mostro le mie fotografie, spero di aver colto tutta la bellezza di questa duplice opera d’arte composta da Portofino e dal Globo Terracqueo.

Portofino la sfera d'acciaio Globo Terracqueo
La sfera d’acciaio alta 2 metri e mezzo posta al centro della passerella galleggiante sulle acque del porto, dal suo interno un fascio di luce illumina le frasi che alcuni tra i più grandi poeti mondiali hanno dedicato al mare ed al
pianeta Terra incise nel metallo, proiettandole sulle case che circondano il piccolo porto di Portofino.

Fin dal giorno dell’inaugurazione, avvenuta il 13 dicembre scorso, migliaia di visitatori sia italiani che stranieri sono arrivati a Portofino con l’intento di ammirare l’opera diffusa di Marco Nereo Rotelli. Si potrà comunque vedere l’installazione artistica fino alla fine del mese di gennaio 2020

Dai monitor posti all’interno della sfera vengono diffuse informazioni sullo stato di salute del mare, dati forniti dall’Acquario di Genova.
La magia del GLOBO TERRACQUEO sembra trasformare le persone in fantasmi.


Un’esperienza sensoriale completa che permette ai visitatori di immergersi nei messaggi di poesia e amore per l’ambiente, vera e propria anima di questo progetto, che presto intraprenderà un tour mondiale di sensibilizzazione al tema.
L’opera d’arte diffusa di Marco Nereo Rotelli ha ottenuto un enorme successo di pubblico fin dal giorno dell’inaugurazione, avvenuta il 13 dicembre scorso, con un sempre crescente afflusso di visitatori. Grazie a questo enorme successo l’opera continuerà ad illuminare Portofino per tutto il mese di gennaio 2020.

Da oltre un secolo Portofino, la “Perla del Tigullio” è una delle mete turistiche più ambite, esclusive e famose del mondo.

La passerella galleggiante che ospita il Globo Terracqueo congiunge le due sponde del piccolo porticciolo di Portofino.
I messaggi proiettati sulle case del borgo.
La celebre piazzetta, resa ancora più suggestiva dal grande Albero di Natale e dai messaggi proiettati sui muri.
Anche il Castello Brown di Portofino diventa un suggestivo schermo su cui vengono proiettati i messaggi del progetto “Mondo Terracqueo”
Anche il Castello Brown di Portofino diventa un suggestivo schermo su cui vengono proiettati i messaggi del progetto “Mondo Terracqueo”
Portofino, luogo di bellezza unica al mondo rappresenta il posto ideale per rilanciare i messaggi di buon auspicio per il pianeta contenuti nel progetto artistico culturale “Mondo Terracqueo”
Portofino, luogo di bellezza unica al mondo rappresenta il posto ideale per rilanciare i messaggi di buon auspicio per il pianeta contenuti nel progetto artistico culturale “Mondo Terracqueo”

Sestri Levante – I volontari dell’associazione ITACA pulisco la spiaggia di Riva Trigoso

Volontari di ogni età hanno raccolto pneumatici, plastica e rifiuti vari abbandonati sulla spiaggia di Riva Trigoso

Si sono dati appuntamento alle 10,30 di sabato mattina i volontari dell’associazione ITACA, armati di sacchi, guanti e pinze forniti dallo sponsor Oway per ripulire il tratto di spiaggia davanti alla Biblioteca del Mare a Riva Trigoso. Sull’arenile si trova di tutto. Rifiuti portati dall’ultima mareggiata, come potrebbero essere i grossi pneumatici o le carcasse di vecchie carriole e motorini, ma anche bottiglie di plastica e oggetti vari abbandonati da bagnanti distratti e a dir poco maleducati. L’organizzazione ITACA organizza il primo e unico Festival del Turismo Responsabile.

Premiato dall‘Organizzazione Mondiale del turismo dell’ONU invita a scoprire luoghi e culture attraverso itinerari a piedi e a pedali, workshop, seminari, laboratori, mostre, concerti, documentari, libri per lanciare un’idea di turismo più etico e rispettoso dell’ambiente e di chi ci vive. Un cammino unico in tanti territori diversi, per trasformare l’incoming in becoming. Coniugando la sostenibilità del turismo con il benessere dei cittadini.

Riva Trigoso volontari di ogni età puliscono la spiaggia di Riva Trigoso raccogliendo rottami, plastica, copertoni e spazzatura varia portata dal mare
Riva Trigoso – Pneumatici di auto e moto insieme a carcasse di veicoli portati dalla mareggiata sulla spiaggia, sono stati raccolti dai volontari dell’associazione ITACA
Riva Trigoso – Un vecchio copertone una scarpa vecchia insieme a moltissima plastica, raccolti sulla spiaggia.
Riva Trigoso - C'è anche una vecchia carriola da muratore trasportata dal mare sulla spiaggia
Riva Trigoso – C’è anche una vecchia carriola da muratore trasportata dal mare sulla spiaggia
Riva Trigoso - Si trovano rottami di lamiera e scarti da ristrutturazioni edilizie, ma anche vecchi copertoni.
Riva Trigoso – Si trovano rottami di lamiera e scarti da ristrutturazioni edilizie, ma anche vecchi copertoni.
Riva Trigoso - Si fa presto a riempire un sacco con i pezzi di plastica che si trovano sulla spiaggia.
Riva Trigoso – Si fa presto a riempire un sacco con i pezzi di plastica che si trovano sulla spiaggia.
Riva Trigoso - C'è anche una vecchia carriola da muratore trasportata dal mare sulla spiaggia
Riva Trigoso – C’è anche una vecchia carriola da muratore trasportata dal mare sulla spiaggia
Riva Trigoso - Si trova di tutto sulla spiaggia, scarpe vecchie tubi di scarico per il riscaldamento lattine e bottiglie di plastica.
Riva Trigoso – Si trova di tutto sulla spiaggia, scarpe vecchie tubi di scarico per il riscaldamento lattine e bottiglie di plastica.
sestri-levante-la-baia-del-silenzio-affollata-a-fine-ottobre.jpg

Un ritorno d’estate a fine ottobre, la Baia del Silenzio presa d’assalto.

L’ultima domenica di ottobre sulla Baia del Silenzio, splende il sole e dopo una settimana che ha visto alternarsi allerte gialle e arancione, con pioggia e freddo, e parecchi disagi in molti sono corsi ad asciugarsi la faccia al sole. La spiaggia di levante è stata letteralmente presa d’assalto da turisti, ma anche da molti residenti. I bar che si affacciano sulla baia registravano il tutto esaurito, prima per le colazioni e poi con il rito dell’aperitivo. Trovare poi un tavolino per un pranzo al sole vista mare era una vera e propria impresa. Non solo bagni di sole però, molta gente faceva anche il bagno, insomma un vero e proprio ritorno d’estate.

Tra una nuotata e un pezzo di focaccia stesi sulla spiaggia, una domenica dal sapore estivo.

Al sole – creme solari e lettini sono ricomparsi sulla spiaggia.
Al sole – creme solari e lettini sono ricomparsi sulla spiaggia.
Relax – c’è chi passeggia in acqua e chi gioca con i figli.
Al bar – un caffè comodamente seduti in riva al mare
Al bar – un caffè comodamente seduti in riva al mare.
Leggere comodamente seduti al sole sulla spiaggia.
Assalto – il pescatorello diventa compagno di giochi di molti bambini.
con un golfino sulle spalle o in costume da bagno, ma tutti sulla spiaggia.
Tutto esaurito.
Un aperitivo al baretto della spiaggia.
mog-mercato-orientale-genova.jpg

Genova – Il MOG al mercato orientale

Al piano rialzato del Mercato Orientale apre il MOG

A Genova in via Venti, per chi volesse gustare cibi e prodotti genuini delle cucina tipica ligure, ma non solo, al piano rialzato dello storico Mercato Orientale trova il MOG, una food court con al centro un bar e tutto intorno dei corner di degustazione culinaria, con prodotti genuini e freschi provenienti dai banchi di uno dei migliori e piu’ colorati mercati d’Europa.